Scatti di scena

Ottava puntata

Lunedì 7 gennaio ore 21.10

    » Segnala ad un amico

    Dopo una lunga e faticosa fuga, Tara, Elena e Luca vengono catturati dagli uomini di Amery e condotti nel sommergibile della EnergySeaLine. Adriano, gravemente ferito, viene dato per morto e invece riesce eroicamente a tornare all’Elba per indicare ai guardacoste il tratto di mare in cui si trova il sommergibile.
    Leopold Amery, con la voce contraffatta per non farsi riconoscere, chiede a Luca di perfezionare il fluido stabilizzatore da lui inventato per estrarre gli idrati di metano. Luca finge di collaborare, quando individua un sensore sospetto nelle tubazioni della Energysealine, che è la sonda inserita dai guardacoste per scoprire dove conducono.
    A quel punto Leopold decide di far saltare il condotto di tubazioni impedendo così alla Guardia Costiera di risalire alla sua base. Tara viene importunata da Nikolai, lo spietato killer di Amery che nutre un sentimento morboso per lei, cui la donna risponde con disprezzo. Promettendo di risolvere i problemi dello stabilizzatore da lui inventato, Luca si fa calare nei fondali e riesce a fuggire, costringendo Amery a  liberare Elena e Tara. Ma Nikolai ha disciolto nel bicchiere d’acqua di Tara alcune gocce di un potente veleno. I tre vengono recuperati dai guardacoste di Tara e decidono di separarsi per maggior sicurezza: quello che è successo nel sommergibile non è dimostrabile, e nessuno di loro ha visto Amery. La soluzione del mistero in cui ormai è chiaramente coinvolto Luca e il suo lavoro, è sempre più difficile e solo la memoria di Luca può sciogliere l’enigma.
    Tornato all’Elba, Leopold incoraggia Vedrana a lasciare Marcello: dopo aver rubato la mappa di Amery, il ragazzo sta iniziando a fare delle connessioni pericolose per la segretezza delle estrazioni della EnergySealine. Vedrana coglie la pericolosa minaccia del padre e, per il bene di Marcello, chiude i rapporti con lui.

    Rai.it

    Siti Rai online: 847